sabato 8 dicembre 2012

Richiesta di tutta la documentazione sul Gassificatore dei fanghi conciari previsto ad Arzignano

Per il momento nessuna risposta a questa interrogazione http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp;jsessionid=747B6E22972567FBC32BCB008008AECA?n=80&p=84&c=5&e=88&t=0&idNotizia=21024 http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp;jsessionid=747B6E22972567FBC32BCB008008AECA?n=80&p=84&c=5&e=88&t=0&idNotizia=21024
 
 Nel mese di luglio del 2002, tutti i comuni aderenti al Progetto GIADA si impegnarono a non realizzare sul loro territorio impianti di incenerimento a combustione diretta che comportassero nuove
emissioni in atmosfera.Per questo impianto che si prevede
verrà fatto ad Arzignano non è stato richiesto il parere dei Consigli Comunali dei Comuni appartenenti all’ATO ne tanto meno dei comuni che nel 2005 hanno sottoscritto l’Accordo di Programma quadro relativo al distretto conciario ma i sindaci appartenenti alla nostra ATO (tranne quello di Montecchio) hanno firmato l'avviamento delle procedure per la gassificazione dei fanghi. L'associazione No Alla Centrale ha richiesto tutta la documentazione seguita poi dalla lista civica montecchiana Essere Montecchio e ora anche dal coordinamento ABC Vicentino unito al comitato ABC ValChiampo..in settimana un appuntamento importante ( subito prima della conferenza con il biologo dr. Tamino e con il dr. Cardiano )con la nostra ATO Val Chiampo che ha convocato il comitato ABC e il coordinamento vicentino dopo la l richiesta della documentazione.Il comitato e tutto il coordinamento che rappresenta tutti i cittadini di Acqua Bene Comune richiederà che tutto sia messo a disposizione dei cittadini brevetti compresi

Report dell'Assemblea nazionale del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua Roma, 24-25 Novembre 2012

Care/i,

segnaliamo che al seguente link sono stati pubblicati i diversi report dei gruppi di lavoro dell'Assemblea nazionale del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua (Roma, 24-25 novembre 2012) che sono stati inviati in lista in questi giorni.
Sulla base dei report dei gruppi di lavoro e della discussione nella plenaria conclusiva abbiamo predisposto il report generale dell'Assemblea nazionale. Pensiamo possa essere uno strumento utile per diffondere i risultati della discussione avvenuta.

Un saluto.
Paolo


---------------------------------


Report dell'Assemblea nazionale
del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
Roma, 24-25 Novembre 2012


Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha realizzato la propria assemblea nazionale a distanza di un anno e mezzo dalla straordinaria vittoria referendaria.
La discussione è partita dall'analisi di quest'anno che è stato intenso, segnato dai ripetuti attacchi a tutti i livelli all’esito del voto referendario ed alla volontà popolare espressa da 26 milioni di persone.
Si è convenuto sul fatto che sia stato un anno di forte resistenza da parte del movimento per l’acqua, che ha promosso, a livello territoriale e nazionale, iniziative per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato, la campagna di obbedienza civile, mobilitazioni per il contrasto ai processi di fusione delle grandi multi utilities. Un anno che ha dimostrato le persistenza del radicamento territoriale e della soggettività politica del movimento per l’acqua e la persistenza delle ragioni profonde alla base della vittoria referendaria.
Questa assemblea, partecipata da oltre 150 persone, da decine di comitati territoriali del movimento per l'acqua (provenienti dalle seguenti regioni: Abruzzo, Lazio, Toscana, Sicilia, Calabria, Basilicata, Piemonte, Veneto, Campania, Marche, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Sardegna, Puglia, Molise, Trentino), associazioni nazionali, organizzazioni sindacali e diverse realtà in difesa dei beni comuni ha prodotto un'importante confronto a partire dai gruppi di lavoro che ci consente oggi il rilancio a tutto campo della nostra iniziativa, a partire dall’obiettivo prioritario e irrinunciabile che ha sempre guidato la nostra azione collettiva: l’acqua è un bene comune e un diritto umano universale, il servizio idrico integrato dev’essere pienamente ripubblicizzato e gestito in forma partecipativa dalle comunità locali.

E' stato condiviso che il raggiungimento di questo obiettivo attraverserà tutte le iniziative e campagne emerse da questa assemblea, che da oggi, a maggior ragione, vengono rilanciate, estese e diffuse su tutto il territorio nazionale: dalle delibere d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione del servizio idrico alla campagna di obbedienza civile, al contrasto dei progetti di grandi multiutilities.

Questa assemblea e la ricchezza della discussione hanno consentito al movimento per l’acqua un ulteriore salto di qualità dell’analisi e della proposta:
a) con l'approfondirsi della crisi globale e la messa in campo delle politiche liberiste dettate dalle grandi banche e dai capitali finanziari, la ripubblicizzazione comporta anche una forte iniziativa contro la finanziarizzazione dell’acqua e dei beni comuni e in direzione della riappropriazione sociale delle risorse per una nuova finanza pubblica;
b) riconoscimento dell'assoluta rilevanza della riappropriazione della democrazia e dei luoghi di decisionalità collettiva a tutti i livelli;
c) la necessità di una proiezione dell’iniziativa del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua nella dimensione europea e internazionale, essendo la dimensione continentale la scala dentro la quale si gioca in questi anni la partita più drammatica.

Sono state assunte tutte le proposte in merito a queste tre grandi questioni emerse dai report dei gruppi di lavoro. La ricca discussione emersa in queste due giornate è un punto di partenza per far avanzare processi di connessione vera fra il movimento per l’acqua e tutte gli altri movimenti ed esperienze in lotta per i beni comuni e per un altro modello sociale: l’assunzione dell’ambiente e del territorio come dimensione dell’azione collettiva e la costruzione di nuove pratiche fra comitati, movimenti e mondo dei lavoratori dei servizi pubblici sono i terreni che richiederanno un’intensificazione dell’iniziativa e delle pratiche da mettere in campo.

In particolare l'assemblea plenaria di domenica ha assunto come prioritari i seguenti punti e appuntamenti:
  • Manifestazione nazionale a Reggio Emilia, sabato 15 Dicembre;
  • 23-27 gennaio giornate europee di mobilitazione contro la finanziarizzazione dei beni comuni e della vita;
  • Aggiornamento e rilancio della legge d'iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell'acqua;
  • Rilancio della Campagna di Obbedienza Civile;
  • Rafforzamento della campagna di raccolta firme per l'ICE “L'acqua è un diritto umano”.

Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua














--
Paolo Carsetti

Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
Via di S. Ambrogio n.4 - 00186 Roma
Tel.  06 6832638 ; Fax.06 68136225 Lun.-Ven. 10:00-19:00; Cell. 333 6876990
e-mail: segreteria@acquabenecomune.org
Sito web: www.acquabenecomune.org - www.obbedienzacivile.it


mercoledì 5 dicembre 2012

APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA GESTIONE PUBBLICA E PARTECIPATA DELL'ACQUA E DEI BENI COMUNI

APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MANIFESTAZIONE NAZIONALE
PER LA GESTIONE PUBBLICA E PARTECIPATA DELL'ACQUA E DEI BENI COMUNI

15 DICEMBRE - REGGIO EMILIA


Un anno e mezzo fa i referendum del 12 e 13 Giugno sancivano che la grande maggioranza delle cittadine e dei cittadini vogliono l'acqua e i servizi pubblici locali fuori dal mercato.
Nonostante ciò, continua il tentativo dei governi, nel quadro delle politiche liberiste Europee, di ristabilire ed estendere il potere dei mercati e della finanza in ogni settore della società, attaccando l'esito referendario.
La crisi economica, sociale e ambientale, è diventata quindi anche crisi della democrazia.

A Reggio Emilia e a Piacenza sono scaduti gli affidamenti del servizio idrico ad IREN e si è aperta la possibilità di attuare concretamente la ripubblicizzazione dell'acqua con aziende di diritto pubblico; per questo abbiamo scelto di convocare a Reggio Emilia la Manifestazione.

Per tutelare l'Acqua e tutti i Beni Comuni, è necessario difendere il territorio dalla cementificazione e da grandi opere non necessarie, adottare politiche incentrate su riduzione dei rifiuti e recupero della materia, sulla chiusura progressiva degli inceneritori, dare vita a piani energetici sostenibili opposti all’attuale Strategia Energetica Nazionale (SEN).

E’ necessario rinaturalizzare i corsi d'acqua e sviluppare piani di manutenzione idrogeologica del territorio, valorizzandone la conoscenza e le potenzialità del lavoro. L'acqua come paradigma della lotta per la riappropriazione sociale e democratica dei Beni Comuni.

Per farlo è indispensabile contrastare i processi di privatizzazione e finanziarizzazione, a partire dal rifiuto della nascita di una Grande Multiutility del Nord, di cui IREN, A2A e la fusione Hera/Acegas sono tasselli.

Chiediamo che le amministrazioni locali decidano di riprendersi la propria autonomia esprimendo concretamente la volontà politica di rispettare la volontà espressa dai loro cittadini, per una gestione pubblica e partecipata dei Beni Comuni. Perchè senza partecipazione e riappropriazione democratica non ci sono Beni Comuni. Facciamo come Napoli che ha ripubblicizzato il servizio idrico. Facciamo come Parigi e Berlino ...

Come Movimento per l'Acqua ci appelliamo ai cittadini, ai lavoratori, agli studenti, a tutte le associazioni, ai comitati, ai sindacati e partiti, a chi anima le vertenze territoriali a difesa del territorio, dell'ambiente e dei beni comuni per costruire assieme una grande e colorata manifestazione il 15 Dicembre.

Sarà una giornata per affrontare la crisi proponendo un nuovo modello di sviluppo e un rinnovato intreccio con tutti i movimenti in lotta per quei beni, servizi e risorse che non possono essere considerati come merce con cui farci pagare il debito e toglierci il futuro.

PER LA RIPUBBLICIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO E DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI
CONTRO LE PRIVATIZZAZIONI E IL PROGETTO DI MEGA MULTIUTILITY DEL NORD
CONTRO LE DEVASTAZIONI DEL TERRITORIO E I CONTENUTI DELLE STRATEGIE ENERGETICHE NAZIONALI
CONTRO LE GRANDI OPERE, INUTILI, COSTOSE E DANNOSE
PER PIANI DI INVESTIMENTO PER ACQUA E GESTIONE DEL TERRITORIO
PER LA DEMOCRAZIA DEI BENI COMUNI


MANIFESTAZIONE SABATO 15 DICEMBRE 2012 - Reggio Emilia


Mattino (10.30-13.30) - Convegno “La ripubblicizzazione del Servizio Idrico e dei Beni Comuni, in Italia e all’Estero”
Pomeriggio (14.30-17.00) - Manifestazione e corteo, conclusione in Piazza Martiri del 7 luglio


Assemblea Nazionale del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
1 File allegato| 37KB

Rapporto tecnico analisi Arpav scarico ditta Burgo Group spa 31 ottobre 2012


ABC = Acqua Bene Comune ABC = Aria Bene Comune Importante convegno sul gassificatore di Arzignano

/http://vicenzainsieme.it/blog/2012/11/30/convegno-sul-gassificatore-di-arzignano-14-dicembre-20-30/

lunedì 3 dicembre 2012

Attenzione importante! il referendum non viene rispettato

Attenzione importante! il referendum non viene rispettato

Care/i,
questa mattina si è svolto l'incontro a cui l'Autorità Energia Elettrica ed il Gas ci aveva invitato insieme a diverse associazioni dei consumatori.
Di seguito e in allegato il report dell'incontro. Chiedo a Severo e Giuseppe, i quali erano presenti, eventualmente d'integrarlo ulteriormente.

Ciò che mi preme sottolineare con questa mail è l'assoluta gravità della situazione.
L'Autorità ha comunicato l'intenzione di voler approvare il Metodo Tariffario Transitorio entro il 31 dicembre 2012. Dunque, ciò sarebbe possibile, già a partire dalla prossima riunione prevista per giovedì 6 dicembre.
La gravità dell'impianto definito dall'AEEG sta, in primis, nel mancato recepimento dell'esito del 2° referendum così come già abbiamo denunciato nelle nostre osservazioni inviate quest'estate. Inoltre questo nuovo metodo si delinea di fatto come un arretramento e un peggioramento dell'attuale quadro regolatorio in materia di tariffa, tutto a favore dei gestori.

A mio avviso alla Conferenza in programma a Milano per il 3 dicembre gli interventi che verranno fatti dovranno essere di forte denuncia di questa impostazione.

Alla luce dell'incontro odierno diviene, dunque, urgente condividere iniziative e azioni da mettere in campo per contrastare questa sostanziale truffa ai danni dei cittadini.
Per questo e a questo scopo mi sento di proporre di valutare una riunione di Coordinamento nazionale straordinario. Una prima data utile potrebbe essere sabato 22 dicembre.
Valutiamo insieme, consapevoli della gravità e dell'urgenza.

Un saluto.
Paolo

----------------------------

Report incontro Authorità per l'Energia Elettrica e il Gas

Roma, 30 Novembre 2012

La mattina del 30 novembre si è svolto l'incontro a cui l'Autorità Energia Elettrica ed il Gas ha invitato a partecipare il Forum dei Movimenti per l'Acqua insieme a diverse associazione dei consumatori.
Per il Forum erano presenti Severo Lutrario, Giuseppe Grauso e Paolo Carsetti.

Obiettivo dell'incontro era quello d'illustrare le scelte che l'Autorità si appresta a compiere in merito al Metodo Tariffario Transitorio. Sostanzialmente l'Ing. Dell'Oste, Responsabile dell'Ufficio Speciale Tariffe e Qualità dei Servizi Idrici, ha presentato il documento che era stato inviato via fax (oggi pubblicato al seguente link) nel quale vengono elencate le modifiche che l'Autorità intende apportare al Metodo Tariffario Transitorio definito nell'ultimo documento di consultazione (290/2012). Tale metodo sarà applicato ai servizi idrici per gli anni 2012 e 2013, ma solo alle gestioni che ad oggi applicano il Metodo Normalizzato e non a quelle CIPE. Per il 2014, poi, s'intende giungere alla tariffa definitiva. L'Autorità ha comunicato l'intenzione di voler approvare il nuovo metodo entro il 31 dicembre 2012.

Da parte nostra abbiamo contestato in particolar modo i punti critici che Giuseppe Grauso aveva identificato nella sua mail di ieri sera, a partire dal riportare la nostra netta contrarietà rispetto al riconoscimento dei costi sostenuti dai gestori così come iscritti nel bilancio delle società anche se più alti dei costi programmati inseriti nei piani d'ambito. Ossia, secondo l'Autorità tali costi dovranno, comunque, essere coperti dalla tariffa.

Inoltre abbiamo fatto notare l'illegittimità del fatto che saranno coperti dalla tariffa anche gli oneri finanziari relativi a debiti contratti prima del 2013 indipendentemente dal loro tasso di interesse.
Su tali punti la risposta è stata alquanto evasiva.

Inoltre, soprattutto alla luce delle modifiche descritte, abbiamo richiesto se fosse stata fatta una simulazione sull'eventuale aumento delle tariffe rispetto al Metodo Normalizzato e al Metodo Tariffario Transitorio precedentemente delineato.
Sostanzialmente, con un giro di parole, si è elusa la domanda. E' stato solo riferito che il metodo tariffario base (ossia quello precedente alle modifiche) avrebbe portato ad un aumento stimato in circa lo 0,5%.

Abbiamo chiesto più volte che ci venissero illustrati nel dettaglio i valori posti alla base della determinazione degli oneri finanziari e conseguentemente a quanto sarebbe ammontata la percentuale finale.
Elusa più volte anche questa domanda.

A seguito di una nostra richiesta, è stato confermato che verranno caricati sulla tariffa solo gli investimenti realmente effettuati e non quelli previsti, sebbene è stato riportato che ci potranno essere alcune eccezioni dovute a situazioni particolari.

Abbiamo contestato con forza che, così come delineato, il nuovo metodo tariffario, anche alla luce delle modifiche introdotte, è in assoluta contraddizione con l'esito referendario poiché sostanzialmente reintroduce, sotto le mentite spoglie degli oneri finanziari, la remunerazione del capitale investito.

Da parte nostra è stato condiviso un giudizio assolutamente negativo di quanto finora prodotto dall'AEEG. Giudizio che si basa sui seguenti principi:

mancato rispetto dell'esito del II° referendum e dunque mancata eliminazione dalla tariffa di qualsiasi voce riconducibile alla remunerazione del capitale investito;
arretramento su posizioni più favorevoli ai gestori e conseguente peggioramento del quadro regolatorio in materia di tariffa idrica sia rispetto all'attuale Metodo Normalizzato (con tutti i suoi limiti), sia rispetto alla proposta di Metodo Tariffario Transitorio presente nel documento di consultazione (290/2012);
il Metodo Tariffario Transitorio così come definito dall'AEGG condurrà ad una sostanziale sanatoria di tutte le illegittimità, inadempienze e irregolarità attualmente registrate in diverse gestioni.

A partire da queste considerazioni abbiamo fatto presente che, se tale impianto verrà confermato con una delibera dell'AEEG, come Forum dei Movimenti per l'Acqua ci riserviamo di valutare eventuali azioni legali.

A margine dell'incontro, con Giuseppe e Severo, abbiamo condiviso la necessità e l'urgenza di proporre a tutto il movimento per l'acqua di avviare un ragionamento su quale iniziative e azioni mettere in campo per contrastare quella che è, con tutta evidenza, una vera e propria truffa ai danni dei cittadini, a partire dal mancato rispetto dell'esito referendario.

Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

--
Paolo Carsetti

Segreteria Operativa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
Via di S. Ambrogio n.4 - 00186 Roma
Tel.  06 6832638  ; Fax.06 68136225 Lun.-Ven. 10:00-19:00; Cell.  333 6876990 
e-mail: segreteria@acquabenecomune.org
Sito web: www.acquabenecomune.org - www.obbedienzacivile.it

due articoli apparsi sul Giornale di Vicenza il 29 e il 30 novembre scorso sul gassificatore di Arzignano e sui nostri gestori dell'acqua

Pubblico due articoli apparsi sul Giornale di Vicenza il 29 e il 30 novembre scorso sul gassificatore di arzignano e sui nostri gestori dell'acqua
MONTECCHIO/1
Il Consiglio
vuol dire la sua sul gassificatore
sui quotidiani

Dal GdiVi di venerdì 30 novembre 2012 PROVINCIA, pagina 42

Se Ato acquista un pagina sulla rivista del comune di Arzignano per parlare del gassificatore e del «percorso intrapreso trasparente e professionale per il recupero energetico dei fanghi», allora anche Montecchio vuole dire la sua sui quotidiani locali. Non è and
ata giù al Consiglio comunale castellano la decisione della dirigenza dell´ente d´ambito territoriale, che si occupa del controllo del servizio idrico, di pagare uno spazio su “In Arzignano" per reclamizzare che la tecnologia di smaltimento fanghi individuata è la preferibile. Tutti i consiglieri hanno votato compatti la mozione bipartisan, invitando l´Amministrazione a chiedere ad Ato un finanziamento per inserire in un organo di stampa di grande diffusione in provincia la netta presa di posizione della città contro il gassificatore e di organizzare incontri pubblici sul territorio.
«La scelta di acquistare una pagina - ha detto il neo consigliere di “Essere Montecchio" Andrea Borinato - è stata presa da Ato senza consultare o informare gli altri Comuni, La “trasparenza” sulla tecnologia decisa ci sarà solo quando verranno messi a disposizione i risultati delle sperimentazioni». Ancora più dura la posizione di Mario Guggino del Pdl: «La decisione è stata scorretta e tendenziosa. Non si può continuamente forzare la mano con elementari furbate, infischiandosene delle esigenze altrui e delle nostre precise richieste, mai chiarite, di ordine scientifico, tecnico, finanziario e di salute». Il vicesindaco Gianluca Peripoli ha ricordato: «Ato non è solo il settore conciario. È principalmente gestione dell´acqua». A.F.
I sindaci litigano. E così Arzignano chiude sull'ex Ato
MONTECCHIO. Discussione sulle nomine del nuovo Consiglio di bacino. Il Comune castellano ipotizza di lasciare l'ente se non sarà coinvolto Gentilin: «In passato ci sono stati contrasti. Ci vuole un team unito»
29/11/2012
Zoom Foto
Fanghi delle concerie al depuratore di Montebello nel 2010. ARCHIVIO
Arzignano blocca la porta dell'Ato Valchiampo al sindaco castellano Milena Cecchetto. Il presidente uscente Giorgio Gentilin (Pdl), nonché sindaco della città del Grifo, ha riserve nei confronti della candidatura di Montecchio e del suo sindaco leghista a entrare a far parte del comitato istituzionale del nuovo Consiglio di bacino. Da gennaio 2013 andrà a sostituire l'ente “Ambito territoriale ottimale” (Ato) che si occupa dell'organizzazione e controllo del servizio idrico integrato sul territorio. E che sta portando avanti l'accordo di programma sul gassificatore dei fanghi della concia. Se per la presidenza si va verso una riconferma, come emerso dall'incontro dei 13 comuni dell'Ato nei giorni scorsi, restano da definire i due rappresentanti del comitato istituzionale. Secondo i criteri stabiliti qualche giorno fa, con Gentilin a rappresentare la Valchiampo dovrebbe esserci un sindaco dell'ente gestore Medio Chiampo - e sarà Montebello - e un comune tra gli ex Mbs ovvero Brendola, Lonigo o Montecchio. La proposta emersa è che sia Montecchio a far parte del comitato istituzionale. Come confermato dai sindaci di Brendola Renato Ceron e di Lonigo Giuseppe Boschetto. Ma far conciliare le diverse “anime” dell'Ato non sarà così semplice. Giorgio Gentilin spiega: «Montecchio in questi anni ha dimostrato di essere in contrasto con le linee operative della maggioranza dell'Ato. Se ci sono i presupposti per lavorare con un comitato istituzionale che ci consenta di raggiungere gli obiettivi necessari al distretto della vallata, e di portare avanti l'accordo di programma esistente, sono disponibile a mantenere l'incarico. Ma se non si potrà raggiungere una serena operatività e avere un team unito non è obbligatorio che io presenti la mia candidatura. Il mio impegno c'è per risolvere insieme i problemi». Di più il primo cittadino di Arzignano non dice.
Tutti i particolari nel Giornale in edicola
Luisa Nicoli

venerdì 16 novembre 2012

Fermiamo le grandi opere inultili per mettere in sicurezza il nostro territorio

   Comunicato stampa

Maltempo e dissesto idrogeologico

La prima grande opera pubblica necessaria al Paese è la prevenzione e la mitigazione
del rischio idrogeologico

Appello al Governo nazionale: “Fermando le grandi opere inutili,
subito 10 miliardi per la messa in sicurezza del territorio”

Cogliati Dezza, Delrio, Mercalli, Tozzi, Borletti Buitoni, Iseppi, Freyrie, Sisti e Graziano
i primi firmatari


“Via la TAV Torino-Lione ed ecco 5.623 milioni di euro; via l’autostrada Tirreno-Brennero ed eccone altri 1.430. Cancellando anche la Orte-Mestre recuperiamo ben 1.428 milioni di euro mentre rinunciando definitivamente al Ponte sullo Stretto possiamo ottenerne altri 250. Aggiungiamo pure i 711 milioni previsti per la realizzazione dell’autostrada Cisterna Valmontone e del corridoio autostradale Roma-Latina, e abbiamo ben 9.442 miliardi di euro da poter investire nella prima grande opera pubblica necessaria al Paese: la prevenzione e la mitigazione del rischio idrogeologico”.
Con queste parole, il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, ha illustrato l’appello che Legambiente ha lanciato al Governo nazionale chiedendo di rinunciare ad alcune grandi opere inutili per destinare le risorse recuperate agli interventi per l’attuazione del Programma nazionale per la sicurezza e la manutenzione del territorio proposto dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.
Perché rinunciando ad alcune grandi opere dai costi elevatissimi e dagli impatti ambientali enormi e scegliendo, invece, di intervenire nella riqualificazione delle strade esistenti e nel potenziamento delle ferrovie, si possono recuperare risorse necessarie e urgenti per la tutela e la sicurezza del territorio.

“Vista l’entità degli investimenti necessari e l’urgenza delle azioni da mettere in campo – si legge nell’appello - condividiamo e sosteniamo la proposta del ministro dell’ambiente Corrado Clini alla Commissione Europea, di derogare al patto di stabilità per la spesa prevista per gli interventi di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico”.

Il territorio e i fiumi italiani hanno oggi più che mai bisogno di una concreta ed efficace politica di tutela ambientale, di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico e di un’alleanza di tutti i soggetti portatori d’interesse: gli esperti, gli enti competenti, i soggetti interessati a vario titolo e le amministrazioni locali, con l’obiettivo comune di avanzare proposte d’intervento anche al fine di ottenere e indirizzare le risorse necessarie. “Un’intesa comune – spiega ancora Cogliati Dezza - su cui costruire un processo di partecipazione e condivisione che individui tali interventi e ne garantisca una corretta attuazione, con l’obiettivo di coniugare la mitigazione del rischio idrogeologico con la tutela ambientale”.


All’appello sul sito di Legambiente (http://www.legambiente.it/alluvioni-stop-opere-inutili-salvare-il-paese), hanno già aderito:

Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente, Graziano Delrio, presidente Anci e sindaco di Reggio Emilia, Luca Mercalli, climatologo e metereologo, Ilaria Borletti Buitoni, presidente FAI, Franco Iseppi,  presidente TCI, Mario Tozzi, geologo CNR, Gianvito Graziano, presidente Ordine dei Geologi, Leopoldo Freyrie, presidente Consiglio nazionale degli architetti, Andrea Sisti, presidente Ordine nazionale dottori agronomi e forestali


Opera pubblica
Fabbisogno (in milioni di euro)
Alta velocità Torino - Lione
5.623
Autostrada Tirreno - Brennero
1.430
Autostrada Orte – Mestre (nuova Romea)
1.428
Ponte sullo Stretto
   250
Autostrada Cisterna- Valmontone e corridoio autostradale Roma-Latina
   711
totale
9.442
Elaborazione Legambiente su dati ministero Infrastrutture



L’ufficio stampa: 0686268376 -99 -53
--



Milena Dominici
Capo ufficio stampa
Legambiente Onlus
Via Salaria 403
00199 Roma
tel. 06.86268376
cell. 349.0597187
www.legambiente.it


1 File allegato| 37KB

INVITO ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA

INVITO ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE
DEL FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA

ROMA, 24 e 25 NOVEMBRE

Sabato 24 e domenica 25 novembre 2012, a Roma, il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua terrà la propria assemblea nazionale.
Sarà un appuntamento molto importante, a distanza di un anno e mezzo dalla straordinaria vittoria referendaria, che ha rappresentato il più alto disconoscimento delle politiche liberiste pronunciato dall’intera società italiana.
Un anno e mezzo, durante il quale il movimento per l’acqua si è dovuto confrontare con fortissimi attacchi a tutti i livelli contro l’esito referendario e il voto democratico del Paese; e lo ha fatto, mettendo in campo mobilitazioni territoriali e manifestazioni nazionali, resistenze e proposte, campagne ed iniziative, dimostrando la persistenza e il radicamento del movimento per l’acqua e delle ragioni profonde della vittoria referendaria.
L’appuntamento di novembre vuole tracciare un primo bilancio di quanto fatto e proporre il rilancio dell’iniziativa territoriale e nazionale verso l’obiettivo della piena ripubblicizzazione del servizio idrico integrato e la sua gestione partecipativa degli abitanti, dei lavoratori e delle comunità locali.
Un rilancio che necessita, da una parte, di uno sguardo più profondo dentro la crisi economico-finanziaria, sociale, ambientale e di democrazia dentro cui siamo immersi e, dall’altra, di un rinnovato intreccio con tutti i movimenti in lotta per i beni comuni.
Proprio di questo vogliamo discutere dentro la nostra assemblea nazionale e vi proponiamo di farlo tutte e tutti assieme.
Vi vogliamo con noi non per spiegarvi ciò che abbiamo fatto o per ascoltare il racconto delle vostre esperienze, ma per confrontarci con forte vicinanza ed altrettanta intensità su quali siano i nessi e gli obiettivi che possiamo costruire assieme, per un’altra uscita dalla crisi e per un nuovo modello sociale che parta dalla riappropriazione collettiva dei beni comuni.
Per questo, non abbiamo pensato di invitare una o uno di voi che venga a fare un dibattito in “rappresentanza” dell’esperienza a cui appartiene. Questo lo abbiamo già fatto, è stato bello e utile.
Questa volta vi vogliamo tutte e tutti dentro ciascuna tappa dell’assemblea a socializzare i comuni saperi e ad intrecciare le analisi per capire meglio come proseguire assieme, rendendo più forti le lotte di ciascuno e costruendone di nuove da poter fare assieme.
Abbiamo alcuni nessi da proporvi - e saremo contenti se altri verranno da voi indicati - per capire assieme se farne terreno comune di iniziativa e di mobilitazione:
  1. vorremmo parlare con voi di finanza, per capire da un parte come combattere la finanziarizzazione che espropria i beni comuni e dall’altra come e dove trovare le risorse per garantire i beni comuni, il loro accesso universale, la loro conservazione;
  2. vorremmo parlare con voi di democrazia, per capire come superare il muro di gomma delle istituzioni di fronte alle mobilitazioni, ai conflitti e alle campagne per la riappropriazione sociale dei beni comuni; e per capire assieme come costruire esperienze reali di democrazia partecipativa;
  3. vorremmo parlare con voi di ambiente, per capire come costruire intrecci tra diritto alla qualità della vita e alla salute da una parte e riappropriazione collettiva del ciclo dei beni comuni dall’altra;
  4. vorremmo parlare con voi di lavoro per capire assieme come interconnettere i punti di vista dei cittadini in lotta per i beni comuni con quelli dei lavoratori dei servizi pubblici locali;
  5. vorremmo parlare con voi di Europa, per approfondire le analisi sulle politiche europee e capire come costruire reti internazionali di movimento che abbiano la dimensione continentale come proprio orizzonte dell’agire.
Come vedete, vogliamo parlare di molte cose con tutte e tutti voi.
E speriamo davvero che anche tutte e tutti voi abbiate la stessa necessità di farlo con noi.
Perché ci piacerebbe uscire dall’assemblea di novembre con la ricchezza di un confronto riuscito e con obiettivi condivisi di mobilitazione comune.
Perché vogliamo cambiare il mondo.

FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA


Per informazioni e adesioni dalla provincia di vicenza scrivere all'indirizzo 

mercoledì 7 novembre 2012

Il tubo collettore che ora sfocia a C.Veneta viene prolungato fino a Sabbion?


08/04/2011

Accordo tra Acque Veronesi, consorzio Arica e comune di Cologna Veneta


Accordo tra Acque Veronesi, consorzio Arica e comune di Cologna Veneta. Risolto l’annoso problema del “tubo dei veleni”. In arrivo fondi per disinquinare e per ampliare la rete fognaria in vari comuni

Il collettore che nei decenni scorsi era noto come il “tubo dei veleni” adesso non solo non fa più paura ma addirittura potrà diventare fonte di importanti opere per il territorio della bassa veronese. E’ davvero significativo il cambio di prospettiva originato dalla collaborazione tra Acque Veronesi e Consorzio ARICA, in linea con gli indirizzi espressi nell’accordo di programma siglato nel 2008 che vede fra i firmatari, oltre al Comune, la Regione, le Province di Verona e Vicenza, le associazioni di categoria e ambientaliste e come beneficiario, per una parte importante, il territorio del Comune di Cologna Veneta. L’accordo prevede un monte investimenti di oltre 21 milioni di euro; soldi in parte già destinati ad un ampliamento e adeguamento dell’impianto di depurazione di Cologna Veneta, e previsti per il prolungamento del collettore ARICA fino a valle dell’abitato di Cologna Veneta ricomprendendo lo scarico del depuratore di Cologna Veneta, nonché per l’ampliamento delle reti fognarie nei Comuni di Pressana, Cologna Veneta e Zimella. A ciò si accompagna un approfondito monitoraggio dei sedimenti trasportati lungo il fiume Fratta, già iniziato a cura della Regione.
Per concretizzare quanto previsto nell’accordo, il sindaco di Cologna Veneta ha indetto un incontro lo scorso mercoledì 30 marzo fra Acque Veronesi, rappresentata dal presidente Anna Leso, ed ARICA, il Consorzio che si occupa della gestione del collettore, nella figura del presidente Antonio Fracasso. Un incontro nel quale sono state prese le prime decisioni operative. ARICA, che per questo sta ricercando i finanziamenti, si è impegnata ad eseguire, in contemporanea al prolungamento del collettore, alcune opere di adeguamento delle arginature del Fratta in località Sabbion e nell’area dell’impianto di Cologna Veneta. Su tali argini il Comune prevede anche di realizzare una pista ciclabile lungo il Fratta che colleghi l’abitato di località Sule con il centro del paese. Nell’insieme tali iniziative richiedono un importo complessivo di circa 12 milioni di euro.
“Spostare il punto di consegna dei reflui depurati a valle dell’immissione del canale irriguo LEB e del depuratore di Cologna Veneta - afferma Antonio Fracasso, presidente di ARICA – permetterà ai colognesi di tornare a fruire della bellezza del fiume Fratta da troppo tempo interessato dallo scarico del collettore il quale, ancorché qualitativamente a norma di legge, presenta un evidente impatto visivo”. Mentre il sindaco di Cologna Seghetto parla di “incontro decisivo che ha portato, in seguito ad un forte lavoro e ad una collaborazione fattiva, alla individuazione comune della soluzione di problemi che erano sul tappeto da anni”.
D’altro canto per Acque Veronesi l’impegno è di potenziare il depuratore di Cologna Veneta tenendo anche conto della nuova posizione dello scarico del collettore, a cui, una volta realizzato il prolungamento, confluirà i propri reflui depurati. A questo si aggiunga il collettamento di alcuni quartieri e lottizzazioni esistenti o in corso di realizzazione a Cologna Veneta, non ancora raggiunte dal servizio di fognatura oltre alla realizzazione di nuovi tratti di fognatura a servizio delle frazioni Sant’Andrea e San Sebastiano per un importo complessivo di 6 milioni di euro.
Per le opere in capo ad ARICA e ad Acque Veronesi già alcuni progetti sono pronti ed è in corso l’iter autorizzativo. “Si tratta – afferma Anna Leso, presidente di Acque Veronesi – di una serie di interventi importanti, perché contribuiscono a tutelare il territorio”

Riunione coordinamento ABC Vicenza



Riunione

COORDINAMENTO ACQUA BENE COMUNE VICENZA

  Mercoledì 7 novembre alle ore 20:45

presso



----------------

ORDINE DEL GIORNO:

- VERTENZE TERRITORIALI - Chiampo, Bacchiglione, Brenta

ORGANIZZAZIONE INCONTRO PUBBLICO - 30 novembre Equobar Vicenza
CAMPAGNA DI RIPUBBLICIZZAZIONE DEI SERVIZI IDRICI -

PARTECIPAZIONE E CONTRIBUTO ASSEMBLEA NAZIONALE - Roma 24+25 novembre


varie ed eventuali

venerdì 26 ottobre 2012

Visita guidata al consorzio LEB a Cologna Veneta

Vi avviso che venerdì 2 novembre il comitato ABC Val Del Chiampo organizza una visita guidata alla sede del Consorzio LEB di Cologna Veneta in via Tiro a Segno, 7 Cologna Veneta.Invitiamo i gruppi Gas della nostra zona e le associazioni ambientalistiche e le persone tutte interessate a partecipare.
Per quelli che abitano da Chiampo a Lonigo ci troviamo ore 8 e mezza nel parcheggio del duomo di Lonigo la visita è programmata presso la sede del Consorzio per le ore 9.00.SE volete venire rispondete a questa e mail o chiamatemi al 3480406820 o inviatemi un sms. Saranno presenti per illustrarci l'impianto e rispondere alle nostre domande il direttore Righetti e il presidente Borella e inoltre sarà presente anche l'ex presidente del consorzio Arica Antonio Fracasso, che sostituisce in questa visita il nuovo presisdente Renzo Marcegaglia che il 2 novembre ha un altro impegno.

ARICA è un Consorzio che gestisce il Collettore di trasferimento dei reflui di cinque impianti di depurazione del vicentino a forte prevalenza industriale fino al fiume Fratta. L'opera del Collettore è stata realizzata al fine di salvaguardare un'importante zona di ricarica degli acquiferi. ARICA esegue un controllo costante allo scarico del Collettore, degli impianti ad esso afferenti, e in diversi punti lungo il corpo idrico ricettore.Nel 2007 si è prolungato il tubo fino a Cologna Veneta.
Il progetto del Collettore è stato realizzato in due tronchi. 
Il primo, da Trissino a Lonigo, recapita le acque di scarico nel Rio Acquetta in località Fattorelle nel comune di Lonigo (provincia di Vicenza) al di fuori della fascia di ricarica dell'acquifero di Almisano. Tronco attivo da giugno 2000.
Il secondo, da Lonigo a Cologna Veneta, in provincia di Verona, con recapito direttamente nel Fiume Fratta è stato attivato nel giugno del 2007. Complessivamente il collettore raggiunge un’estensione di oltre 32 Km e con un diametro, nel punto massimo, di 1600mm.
Il Consorzio ARICA provvede al regolare controllo del livello del refluo, del corretto deflusso e dello stato della condotta. 
Il comitato ABC Val del Chiampo per il momento sta raccogliendo documenti e informazioni di tutto quello che riguarda la nostra acqua sia per mantenerla un nostro bene comune sia per la sua potabilizzazione e contro l'inquinamento, in modo da informare per far capire il lavoro che c'è legato all'acqua anche con visite guidate presso i consorzi e le società che gestiscono la nostra acqua tutti i cittadini. Il nostro blog è : http://abcvalchiampo.blogspot.it/ ci trovate anche su Facebook nel gruppo Acqua Bene Comune 
Val Del Chiampo

venerdì 28 settembre 2012

Report riunione coordinamento ACQUA BENE COMUNE Vicenza 20 -09-12

A cura di : Antonello Romanazzi
COORDINAMENTO ACQUA BENE COMUNE VICENZA
Oggetto: relazione riunione provinciale del 20 settembre 2012
1. Campagna di ripubblicizzazione dei servizi idrici: stato dell'arte, pianificazione strategie e lavori.
2. Rete provinciale: analisi delle priorità dei comitati locali.
3. Appuntamenti imminenti: assemblea nazionale (ottobre), incontri pubblici.
4. Rimborsi referendari: destinazione risorse economiche
5. Varie ed eventuali
Sede CGIL di Vicenza
Punto 1.
Le autorità di governo hanno annunciato che dal 1 gennaio 2013 verrà introdotto in via sperimentale il sistema di calcolo della nuova tariffa per i consumi idrici. A quanto pare la remunerazione del capitale, ufficialmente abrogata, verrà “nascosta” sotto forma di recupero del capitale finanziario e altre voci. Il forum nazionale si è già incontrato due volte con l’authority per discutere dell’argomento, venendosi però a trovare su posizioni molto distanti. La campagna di obbedienza civile sulle tariffe sta comunque proseguendo a livello nazionale con discreto successo.
I comitati vicentini si stanno concentrando soprattutto sull’altra campagna nazionale lanciata dal Forum “ripubblicizzazione dei servizi idrici”. Con alcuni enti locali della provincia sta proseguendo il lavoro di discussione partito parecchi mesi fa. L’indirizzo che deciderà di dare il capoluogo sarà molto importante per tutta la provincia. Entro la fine dell’anno sembra sarà approvato definitivamente in nuovo Statuto Comunale a Vicenza, la cui bozza contiene un articolo dedicato al diritto all’acqua, che recita «la gestione del servizio idrico integrato [è] effettuata da un soggetto di diritto pubblico, non tenuto alle regole del mercato e della concorrenza», ottima premessa per continuare sulla strada della effettiva ripubblicizzazione. Tuttavia è stato fatto presente all’interno della bozza si fa riferimento alla proprietà e alla gestione delle reti ma non degli impianti. L’inserimento di tale modifica all’articolo sarà proposta da parte dei comitati vicentini. Si è infine stabilito di spedire ai comuni dell’ATO Bacchiglione, via posta elettronica certificata, formale richiesta di approvazione della delibera che impegna i Comuni vicentini a intraprendere un percorso di approfondimento verso una gestione pubblica e partecipata. Tale richiesta sarà
affiancata dal documento “Per la ripubblicizzazione del SII dopo il referendum” prodotto dal forum nazionale e diffuso nelle scorse settimane all’interno del coordinamento.
Punto 2.
Il comitato sorto questa primavera nell’Ovest vicentino non ha ancora ripreso i lavori dopo la pausa estiva. I suoi obiettivi dichiarati per il momento sono l’approfondimento della conoscenza delle tematiche e delle questione relativi alla gestione dell’acqua nella Valle del Chiampo, il monitoraggio della situazione idrogeologica nella stessa e la definizione del reale impatto ambientale che ha in modo diretto o indiretto l’attività industriale, in particolare del settore della concia, sui corsi d’acqua presenti nell’area. Nel prossimo periodo l’attività del comitato potrebbe focalizzarsi sull’analisi dell’impatto causato dal tubo collettore dei reflui industriali della Valle del Chiampo, e che converge con il canale L.E.B. a Cologna Veneta.
Il comitato dell’area bassanese ha negli ultimi tempi concentrato la propria azione sull’ipotesi della privatizzazione di Etra, ventilata dal suo c.d.a. negli scorsi mesi. La delibera 199/2012 della Corte di Cassazione parrebbe aver scongiurato per il momento tale rischio ma l’attenzione deve restare alta. Il tavolo aperto negli scorsi mesi con il gestore e l’ato non deve essere abbandonato e, in tale sede saranno discusse alcune richieste specifiche da parte del comitato A.B.C. Brenta.
I comitati dell’area Bacchiglione si concentreranno sul percorso di ripubblicizzazione cercando di concretizzare quanto seminato.
Punto 3.
Per il 24 e 25 novembre è prevista l’assemblea nazionale del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua a cui si cercherà di partecipare contribuendo attivamente.
Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha aderito e ha invitato i comitati locali ad aderire alla campagna di raccolta di firme per l’iniziativa europea “ICE” denominata “Acqua potabile e servizi igienico-sanitari: un diritto umano universale”. L’obiettivo è di raccogliere un milione di firme da presentare alla Comissione Europea affinché l’Unione Europea si doti di una legislazione che imponga agli stati membri «di garantire e fornire a tutti i cittadini, in misura sufficiente, acqua potabile e servizi igienico-sanitari», di escludere l’acqua e la gestione delle risorse idriche dalle logiche di mercato, dichiarandoli diritti umani universali come riconosciuto dalle Nazioni Unite.
Siti internet di riferimento: http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/initiatives/ongoing/details/2012/000003 e http://www.right2water.eu. Le firme potranno essere raccolte su apposito modulo cartaceo e via internet sul sito sopra citato. Il Forum nazionale si impegnerà a creare un sito italiano dedicato all’iniziativa.
Il coordinamento provinciale contatterà le segreterie provinciali dei sindacati aderenti all’iniziativa per organizzare il lancio della stessa e le relative iniziative. I materiali saranno disponibili prima del lancio.
Punto 4.
I rimborsi elettorali sono stati stanziati e si è già effettuata una loro spartizione. Al coordinamento regionale sono stati finora rimborsati circa 7000 euro. A quello provinciale di Vicenza ne è arrivata quota parte circa 1500 euro, ancora disponibili in cassa. Una seconda tranche di rimborsi, corrispondenti ad altri 700 euro circa, arriverà il prossimo anno.
Punto 5.
L’EquoBar di Vicenza ha dato la disponibilità e dei propri spazi ed è interessato ad ospitare un incontro pubblico organizzato dal coordinamento provinciale che illustri il lavoro svolto in questi due anni, i risultati ottenuti, le proposte avanzate, i percorsi su cui si sta muovendo, il quadro generale giuridico-legislativo, i probabili sviluppi della situazione relativa alla gestione del SII a livello locale e nazionale. La proposta è stata accolta e potrebbe risultare un’ottima occasione per diffondere le iniziative in corso e le campagne di cui sopra.
Fine dei lavori

A Padova si privatizza l'acqua in barba ai referendum

A Padova si privatizza l'acqua in barba ai referendum

http://www.rifondazione.padova.it/2012/09/padova-approvata-tra-le-contestazioni-fuori-e-dentro-laula-la-fusione-acegas-aps-hera/

sabato 21 luglio 2012

Grande vittoria dei movimenti, la Corte Costituzionale fa saltare le privatizzazioni di acqua e servizi pubblici locali

COMUNICATO STAMPA
Il 20 Luglio, la Corte Costituzionale restituisce la voce ai cittadini italiani e la democrazia al nostro Paese.
Lo fa dichiarando incostituzionale, quindi inammissibile, l'articolo 4 del decreto legge 138 del 13 Agosto 2011, con il quale, il Governo Berlusconi, calpestava il risultato referendario e rintroduceva la privatizzazione dei servizi pubblici locali. Questa sentenza blocca anche tutte le modificazioni successive, compresa quelle del Governo Monti.
La sentenza esplicita chiaramente il vincolo referendario infranto con l'articolo 4 e dichiara che la legge approvata dal Governo Berlusconi violava l'articolo 75 della Costituzione. Viene confermato quello che sostenemmo un anno fa, cioè come quel provvedimento reintroducesse  la privatizzazione dei servizi pubblici e calpestasse la volontà dei cittadini.
La sentenza ribadisce con forza la volontà popolare espressa il 12 e 13 giugno 2011 e rappresenta un monito al Governo Monti e a tutti i poteri forti che speculano sui beni comuni. Dopo la straordinaria vittoria referendaria costruita dal basso, oggi è chiarito una volta per tutte che deve deve essere rispettato quello che hanno scelto 27 milioni di italiani: l'acqua e i servizi pubblici devono essere pubblici.
Si scrive acqua, si legge democrazia!   
--
Luca Faenzi
Ufficio Stampa Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua
ufficiostampa@acquabenecomune.org
+39 338 83 64 299
Skype: lucafaenzi
Via di S. Ambrogio n.4 - 00186 Roma
Tel. 06 6832638; Fax. 06 68136225 Lun.-Ven. 10:00-19:00
http://www.acquabenecomune.org/
   

venerdì 20 luglio 2012

Allarme nelle Dolomiti Bellunesi

Pubblichiamo l'appello del Comitato Bellunese Acqua Bene Comune:

Non fatevi intimidire dal prossimo sabato piovoso, domenica torna il sole e la comunità riprende il cammino; saremo in tanti ad acoltare il rumore bianco di queste acque e respirare i profumi di questa valle
In marcia in difesa della Valle del Mis, in difesa delle Dolomiti.
Stanno distruggendo la Valle del Mis. Una bellezza senza tempo. Quello che la natura e l’acqua hanno creato in migliaia di anni, rischia di essere distrutto per sempre.
Dove prima c’era un torrente, con i suoi salti, i suoi rivoli, le sue pozze, ora stanno mettendo un tubo, diritto, sempre uguale a se stesso. Freddo, artificiale. Dove prima c’erano sassi, oggi c’è cemento.
Un’intera valle ingannata, da uomini in giacca e cravatta. Valigette piene di interessi in cambio di un Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Un’intera valle svenduta, umiliata, derubata. Predatori senza scrupoli ce la stanno portando via. Con violenza. Armati di braccia meccaniche.
Dove dovrebbe esserci un Parco, il parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, oggi c’è la Valsabbia spa di Brescia. Recinta, scava, martella, espropria.Ma non è il rumore delle ruspe che cancella il suono dell’acqua. Non sono i cingolati che calpestano quella valle. Quello che fa più rabbia sono le menzogne, gli inganni che fan parte di questa vicenda.
L’abuso su terreni che per secoli erano di uso civico, ora sfruttati ad uso privato.
Funzionari insensibili che sventolano permessi e autorizzazioni. Imprese che scavano dove non dovrebbero.
Ma soprattutto la codardia di chi potrebbe intervenire e non lo fa. Di una politica che con una mano getta la spugna e con l’altra incassa come già in passato.
Semplicemente una brutta storia. Uno schifo che va riempito d’amore, della gioia di una comunità che non si arrende, che vuole riprendersi quella valle, che vuole riprendersi quel bene comune. Che vuole difendere le Dolomiti e i suoi fiumi da centinaia di storie come questa. Tante sono le richieste per nuove centrali idroelettriche.
Però di acqua, non ce n’è più. 200km di tubi se la sono già bevuta quasi tutta. Un 10% resiste, come noi. Ma ora la partita si fa decisiva, non solo in Valle del Mis.
Proprio in questo periodo in Regione si sta discutendo un disciplinare sulle richieste per le nuove centraline.
Una moratoria sarebbe il giusto, il blocco per le centrali in zone di interesse comunitario e di alto valore naturalistico, il minimo.
Una partita da vincere.
Per questo ci appelliamo a tutti voi, a tutte le associazioni, movimenti, comitati, gruppi, singoli cittadini e cittadine che lottano per i beni comuni, che vogliono difendere le Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’Umanità, che vogliono fermare lo sfruttamento irrazionale e privatistico dei fiumi.
Il 22 luglio venite in Valle del Mis, vi aspettiamo!
PER ADESIONE-PARTECIPAZIONE: acqua.belluno@libero.it
Comitato bellunese Acqua Bene Comune

INFO UTILI
partenza marcia: ore 11 da località La Soffia
arrivo: località ponte titele nella zona del cantiere
ritrovo: in località Pian Falcina a partire dalle ore 9:00
distanza: circa 5 km – strada asfaltata, percorso alla portata di tutti
consigliate scarpe comode e cappellino
Sarà disponibile un servizio navetta fino alle ore 10:45 che porterà i partecipanti al concentramento della marcia in località La Soffia. E’ importante giungere in valle il prima possibile (dalle ore 9:00) per consentire il trasferimento con le navette.
Aiutaci a ridurre il numero delle macchine. Organizzatevi per riempire le macchine.
Meglio in bici! Porta la tua bicicletta così puoi lasciare la tua macchina fuori dalla valle. Per esempio in piazza a Sospirolo.
Possibilità di rientro in navetta alla fine della marcia.
Munirsi di acqua e pranzo al sacco. Piccolo ristoro all’arrivo della marcia.
Come arrivare in Val del Mis:
da Belluno: segui per Agordo – in località Mas di Sedico segui per Val del Mis
da Feltre: segui per Sospirolo poi per Val del Mis
da uscita A27: uscita Belluno – da Belluno segui per Agordo – in località Mas di Sedico segui per Val del Mis
Per raggiungere la Valle del Mis con il minor numero possibile di automobili, consigliamo di arrivare a Sospirolo, località Pian Falcina, utilizzando il servizio di carpooling BlaBlaCar.
Se cercate un passaggio, collegatevi al sito http://www.blablacar.it/ e scrivete Sospirolo nella casella “Città di arrivo”.
Se invece volete mettere a disposizione uno o più posti liberi nella vostra auto, cliccate sul tasto “Offri un passaggio”.
La registrazione al servizio è semplice e gratuita.
Per informazioni sul carpooling: info@bellunosimuove.it

sabato 14 luglio 2012

LA DECRESCITA



I gruppi G.A.S (Gruppi di  acquisto solidale) dell'Ovest vicentino, in collaborazione con il comitato ABC Val Chiampo e le associazioni VicenzaInsieme e No Alla Centrale, vi invitano a questa interessante iniziativa di formazione e informazione che si terrà il 24 luglio nella stupenda Villa Brusarosco ad Arzignano.
Si comincia alle ore 19.00 nel parco della villa  con un ricco buffet e un aperitivo (offerta libera) dei produttori locali di vino e succhi di frutta biologici. Saranno a disposizione altre buone cose tutte fatte in casa e gratuitamente dai gasisti dei tre gruppi GAS.

Alle ore 20.30 nella sala della villa ci sarà una importante conferenza sulla Decrescita e i nuovi stili di vita che che questo movimento propone, con proposte calate nella realtà dell'Ovest vicentino.
Dopo una breve presentazione fatta da ViVerBio G.A.S. Lonigo sarà la volta degli interventi dei relatori :
il professor Gianni Tamino, biologo di Padova, sostenitore della Decrescita, e il signor Gigi Perinello, imprenditore e fornitore per i GAS di calzature fatte con pelli conciate al vegetale, senza l'uso del cromo.

Seguirà un dibattito a cui tutti possono partecipare, prenotandosi.
Alla fine, brindisi sempre con i produttori BIO.
L'ingresso è libero e si possono portare anche i bambini.

mercoledì 11 luglio 2012

Gassificatore dei fanghi conciari: il ministro Clini ha approvato uno studio di fattibilità.

Gassificatore dei fanghi conciari: il ministro Clini ha approvato uno studio di fattibilità.

Si tratta del documento che da inizio alla procedura per la realizzazione di un'opera pubblica.

Non è un progetto, anche se contiene dati tecnici, ma un atto di programmazione economica che serve ad inserire l'importo nell'elenco triennale dell'amministrazione pubblica che finanzia l'intervento e lo realizza.

Se le cose stanno così, significa che, di fronte alla motivata richiesta di finanziare il gassificatore, il ministro  ha risposto positivamente.

Le procedure di legge, a questo punto, prevedono la realizzazione del progetto preliminare, del progetto definitivo e del progetto esecutivo, dopo di che si va all'appalto per la realizzazione dell'opera.

Ogni livello progettuale va approvato dall'ente competente con le relative misure di trasparenza (pubblicazione), inoltre l'approvazione del progetto definitivo* avverrà tramite VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) con una procedura che prevede forme più ampie di pubblicità e coinvolgimento della popolazione.

Tutto questo per dirvi che siamo di fronte ad un processo lungo e complesso sul quale, come tutti i cittadini, potremo intervenire.

Tanto per cominciare, sarebbe utile poter leggere lo studio di fattibilità e farne un'analisi critica.

Un buono studio di fattibilità dovrebbe scaturire dalla necessità di risolvere un problema (lo smaltimento dei reflui da conceria) e prospettarne le possibili soluzioni valutando qualità e costi dei possibili interventi.

Naturalmente, se la volontà politica è quella di realizzare il gassificatore, le altre soluzioni saranno presentate come troppo costose o inefficaci. Da qui l'importanza di controllare lo studio che potrebbe essere carente nella scelta delle soluzioni, oppure indicarci la via per proposte alternative, smascherando le valutazioni riduttive dello studio stesso.


*Si chiama così perché definisce nei dettagli l'intervento e permette una corretta valutazione, in tutti i suoi aspetti, da parte dell'amministrazione che lo approva e delle altre amministrazioni coinvolte per il rilascio di pareri od autorizzazioni.

Un po' di articoli sull'argomento pubblicati dal Giornale di Vicenza li trovate cliccando qui

Possiamo vivere senza oro, ma non senza acqua


Il murale della foto fu realizzato per protestare contro la realizzazione di una miniera di oro che avrebbe devastato le risorse idriche di quella zona di Patagonia. Il comitato di lotta vinse la disputa.
Pensiamoci bene quando devastiamo l'ambiente per motivi economici. Possiamo rinunciare a molte cose, ma non a bere e a mangiare.
Pensiamoci non solo per noi stessi ma anche per le generazioni future.

lunedì 9 luglio 2012

Riunione 9 luglio 2012 - news

Ricordo la riunione di stasera

lunedì 9 luglio 2012, alle ore 21.00
presso la sede Cigl di Arzignano in via IV Martiri

Non pubblichiamo l'ordine del giorno perchè nel corso del weekend ci sono state importanti novità che ci hanno comunque costretto a cambiare gli argomenti di cui parleremo: la prima è l'OK del Ministero dell'Ambiente sul trattamento fanghi tramite il gassificatore (leggi l'articolo qui di VicenzaPiù)

La seconda è la nomina del nuovo Presidente di Acque del Chiampo di Antonio Fracasso (leggi qui l'articolo del Giornale di Vicenza) già presidente di Arica, la società che gestisce il tubo collettore di cui abbiamo già parlato, e di cui continueremo a parlare.

Sono due novità molto importanti di cui discuteremo sicuramente stasera.

domenica 1 luglio 2012

CHIAMPIFUL

l'illustrazione è di Pawla Kuczynskiego
Dico la verità, se avessi saputo fin dall’inizio cosa comportava far parte di un Comitato per l’Acqua nella Valle del Chiampo, forse avrei lasciato perdere.
Per i Referendum ho fatto volantinaggi, attaccato manifesti, organizzato manifestazioni artistiche, partecipato a riunioni (qualche volta noiose) ma niente è paragonabile a doversi studiare documenti come la VAS (Valutazione Ambientale Strategica, 2 documenti da 140 pagine l’uno) che è stato solo il primo di una lunga serie di documenti tecnici che si stanno accumulando uno dopo l’altro sulla mia scrivania e nel mio PC.
L’ostacolo peggiore quando ti vuoi occupare di QUALUNQUE COSA in Italia è la burocrazia. Tocca studiare, e non è affatto semplice.
Eppure…
Se lo si fa con lo spirito giusto, può diventare anche appassionante. Bisogna avere un po’ di fantasia, fingersi il detective di un romanzo giallo, o un cacciatore di gossip all’interno di una gigantesca soap-opera e, dopo un po’, le soddisfazioni arrivano.
Infatti ieri, 30 giugno 2012, sul Giornale di Vicenza è uscito questo articolo, dal titolo: “Sì ad un gestore unico per l'acqua dell'Ovest”
Due mesi fa, questo articolo mi sarebbe passato sotto il naso assolutamente inosservato.
Ma non oggi, dopo aver letto la VAS e aver osservato questa cartina, in cui si evidenziano i confini dei due (sottolineo: due) gestori dell’Acqua nell’ATO più piccolo d’Italia.

notare i comuni nei quali operano i 2 gestori dei servizi idrici:
• Acque del Chiampo SpA opera nei comuni di Altissimo, Arzignano, Brendola,
Chiampo, Crespadoro, Lonigo, Montecchio Maggiore, Montorso Vicentino, Nogarole
Vicentino e San Pietro Mussolino;
• Medio Chiampo SpA opera nei comuni di Gambellara, Montebello Vicentino e
Zermeghedo.
(pag 25 documento preliminare della VAS)


Perfino nella mia totale ignoranza e ingenuità, mi sono chiesta: come mai l’Ambito Territoriale Ottimale più piccolo (e inquinato, e ricco d’acqua, ma pur sempre il più piccolo) d’Italia, ha ben due (2) gestori dell’Acqua?
Come mai non si sono fusi, nonostante dal 1994 (con la legge 36 sulla riforma del Servizio Idrico Integrato) in poi, le normative e le leggi parlino sempre di un unico gestore per ogni ATO?
E come funzionano questi nostri gestori? In che rapporti sono tra loro?
Cercando nel web, seguendo i sassolini come Pollicino, si trovano notizie interessanti quanto allarmanti, come questa: (Indagate: Vicenza ci avvelena) http://www.inventati.org/mediablitz/rassegna/090406.html#2
dove si parla di “diluizioni irregolari degli scarichi, di condotte segrete, di situazioni gestionali tutte da approfondire ed all’emissione di otto avvisi di garanzia.” a carico di chi gestiva il depuratore di Montebello Vic.no nel 2006.
Ma adesso siamo nel 2012, di acqua sotto i ponti (e nel tubo collettore) ne è passata tanta. A che punto siamo? Qual è la situazione attuale?
Possibile che in 6 anni non si sia saputo più niente?
Come ogni mamma sa bene, quando c’è troppo silenzio in casa è il caso di preoccuparsi…
Forse le notizie in realtà ci sono, ma il problema è che siamo distratti da troppe stupidaggini per accorgercene. Mi rendo conto che la colpa è anche mia, che quello che ho fatto fino adesso non basta, che per occuparsi dell'Acqua non è sufficiente distribuire volantini.
E allora, appassioniamoci a queste storie, leggiamo, studiamo, cerchiamo di capire cosa sta succedendo. Sicuramente è più istruttivo che seguire “Beautiful”, e sicuramente più utile.
Pare che finalmente Acque del Chiampo SpA e Medio Chiampo SpA stiano per fondersi in un’unica società. In teoria dovrebbe essere un’ottima notizia. In pratica, sappiamo che Medio Chiampo SpA ha avuto delle difficoltà e delle vicende controverse, che oggi speriamo risolte.
Gestire l’Acqua nella Valle del Chiampo è compito tutt’altro che facile. Speriamo che questo compito venga affidato a qualcuno che lo sappia fare bene, con onestà e trasparenza, nell’interesse di tutti i cittadini e della salvaguardia dell’ambiente e della nostra salute.
Anzi, non speriamolo soltanto.
Pretendiamolo.