Chi siamo

Comitato ABC Valchiampo


Siamo le stesse persone che si sono mobilitate per promuovere i referendum del 2011 per l’acqua pubblica: prima con la raccolta delle firme e in seguito con la campagna referendaria promosse dal FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA.
Proveniamo da esperienze diverse: gruppi, associazioni, comitati, partiti e sindacati, semplici cittadini, accomunati dalla volontà di difendere il più importante tra i Beni Comuni: l’ACQUA.


Nonostante la vittoria ottenuta ai referendum contro la privatizzazione dell’acqua, sono talmente numerosi i tentativi di aggirare la volontà popolare che il nostro lavoro è tutt’altro che concluso: in tutta Italia rimangono attivi i gruppi e i comitati territoriali che fanno capo al Forum dell’Acqua e ne portano avanti le iniziative.

Per questo motivo ci siamo costituiti in un Comitato aperto alla partecipazione di tutti i cittadini e le cittadine, indipendentemente dall’appartenenza a formazioni politiche, religiose, sindacali, purché impegnati nella difesa dell’acqua.

Il Comitato si propone di:
studiare le peculiari problematiche legate alla gestione dell’acqua nel nostro territorio;

ricercare e proporre soluzioni sostenibili, rispettose per l’ambiente, che tengano conto anche delle esigenze delle generazioni future;

vigilare perché la gestione dell’acqua rimanga pubblica;

difendere le risorse idriche, sempre più minacciate dall’uso improprio, dalla devastazione ambientale e dalla speculazione privata;

informare i cittadini e dare diffusione dei risultati del nostro lavoro, tramite Internet (blog, social network, ecc.) o media tradizionali (riviste, radio, giornali, TV ecc.)

impegnarsi affinché “la gestione delle risorse idriche si basi su un'impostazione partecipativa e integrata, che coinvolga gli utenti ed i responsabili decisionali nella definizione delle politiche in materia di acqua a livello locale e in modo democratico”  (Risoluzione del Parlamento Europeo del 15 marzo 2006 sul IV Forum mondiale dell'Acqua).

Perché si scrive Acqua ma si legge Democrazia.

Nessun commento:

Posta un commento